I cookie sono piccoli file memorizzati nel tuo browser. Sono utilizzati per scopi tecnici, funzionali e di analisi. Continuando a navigare nel nostro sito web l’utente acconsente al loro impiego. È possibile modificare le impostazioni dei cookie del browser in qualsiasi momento.

Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
Numero Verde Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
ASI Ministero Dell'Interno FormaC Ministero Della Regione Europe Active Europe Active Europe Active Yoga Alliance Ministero Del Lavoro e Delle Politiche Sociali Fondo sociale europeo Accredia Ministero Dell'Ambiente Protezione Civile FIN FISDIR FIT MSP CSI CSEN FitnessWork Performance Training Opes MIUR Europeo

Massaggiatore Sportivo: chi è, di cosa si occupa e come diventarlo

Massaggiatore Sportivo: chi è, di cosa si occupa e come diventarlo


La figura del massaggiatore sportivo sta acquisendo sempre più importanza e ha ormai guadagnato il suo posto fra gli operatori del benessere che ogni centro sportivo o di riabilitazione motoria deve avere nel suo organico.

Ma di cosa si occupa esattamente un massaggiatore sportivo?

Andiamo a dare uno sguardo a chi è questo professionista dello sport e a quali sono le sue mansioni.

Il massaggio sportivo: facciamo un po’ di chiarezza

Il massaggio sportivo è un massaggio particolare che viene eseguito su alcune parti del corpo ed ha un fine ben specifico: migliorare la performance atletica. Ciò lo differenzia da altri tipi di massaggio terapeutico.

I benefici del massaggio sportivo derivano da due presupposti:

  • Azione diretta data dall’aumento del flusso ematico con conseguente ipertermia locale
  • Azione indiretta data dalla contemporanea eccitazione di terminazioni nervose e conseguente stimolazione del sistema nervoso parasimpatico.

Da questi due elementi derivano tutte le proprietà benefiche attribuite al massaggio sportivo, tra le quali rientrano:

  • Riduzione delle tensioni muscolari
  • Diminuzione dei livelli plasmatici di cortisolo e serotonina con conseguente riduzione dello stato d’ansia e miglioramento dell’umore; a tale diminuzione si associa un aumento delle endorfine circolanti con conseguente inibizione della sensazione dolorifica
  • Riduzione della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa
  • Stimolazione della microcircolazione locale
  • Effetto drenante abbinato ad accelerata rimozione dell’acido lattico e delle scorie metaboliche prodotte durante l’attività sportiva
  • Decongestionamento e rilassamento dei i tessuti, abbinato ad accelerata guarigione dalle contratture muscolari
  • Prevenzione degli infortuni
  • Preparazione muscolare all’attività fisica

Massaggio sportivo pregara, infragara e post-gara

Il massaggio sportivo trova, infatti, applicazione prima di una competizione sportiva, fra una gara e l'altra - ad esempio tra primo e secondo tempo di un match calcistico - e dopo lo sforzo agonistico.

Il massaggio sportivo pregara è considerato tale quando viene svolto fino a due giorni prima dell'evento sportivo.
Il compito di questo masaggio è quello di decontrarre la muscolatura e di donare all’atleta un gradevole stato di benessere.
Oltre a riscaldare i muscoli, migliorare la mobilità articolare e ridurre lo stress, il massaggio pre-gara ha l’importante funzione di prevenire i traumi.
Il massaggio si compie con manovre leggere abbinate ad un prodotto con effetto capillarizzante che favorirà l'apporto di sangue al muscolo.

È durante la gara, però, che si svolge il massaggio più importante e complesso, che ha lo scopo di normalizzare il tono muscolare, la circolazione e l'elasticità miofasciale articolare, in modo da garanire un ottimale proseguimento dell'attività sportiva.
A tal proposito il movimento e la pressione delle mani favoriscono anche il drenaggio delle scorie metaboliche.

Per quanto riguarda il post-gara,invece, esistono due tipi di massaggi: quello che si svolge appena pochi minuti dopo l'attività sportiva e ha lo scopo di ridurre il senso di stanchezza e di pesantezza fisica e il massaggio sportivo defaticante, più vigoroso e incisivo, che ha luogo nelle 24-48 ore successive e accelera i tempi di recupero, assicurando il totale ripristino delle funzioni muscolo-scheletriche.

Il nostro percorso da Massaggiatore Sportivo di 2° Livello - naturale prosecuzione del 1° Livello, che è introduttivo - va ad approfondire tutte queste fasi, in modo da formare dei professionisti completi.

Lavorare come massaggiatore sportivo

Fare il massaggiatore oggi significa rispondere a una domanda in crescita ma anche e soprattutto a una vocazione personale di aiuto all’altro attraverso il tocco e il contatto diretto.
Se avete deciso di fare del massaggio sportivo la vostra professione otterrete sicuramente delle grandi soddisfazioni, come accade a tutti coloro che seguono i loro sogni e le loro aspirazioni.
Perché, come scrive il fondatore della Scuola di Massaggio DIABASI®, M° Duilio La Tegola: «C’è una sola maniera per fare bene un massaggio ed è farlo con amore».

Sì, ho capito, ma come faccio a diventare massaggiatore sportivo?

L’unico modo per essere abilitati a fare questa professione e non incorrere in spiacevoli sanzioni è essere iscritti allAlbo Nazionale dei Massaggiatori.
Affinché ciò avvenga occorre frequentare un corso che sia valido a livello nazionale come il Corso da Massaggiatore Sportivo di 1° Livello e il Corso da Massaggiatore Sportivo di 2° Livello targati Accademia Italiana Fitness.
Il percorso completo è riconosciuto dal Coni e rilascia un attestato da massaggiatore sportivo, previa frequentazione dell’80% delle lezioni e superamento del relativo esame.

Le caratteristiche di un buon massaggiatore sportivo

Oltre all’iscrizione all’Albo e alle certificazioni, esistono delle doti che ogni massaggiatore dovrebbe avere e sono:

  • Un'ottima percezione tattile
  • Capacità di mettere il cliente a proprio agio
  • Ottima conoscenza anatomica della locazione dei muscoli e dell'orientamento delle striature
  • Una mano che sappia essere delicata o forte a seconda delle esigenze

Concludendo, Il massaggiatore sportivo è un professionista sempre più richiesto, che ha il delicato e importante compito di migliorare la performance sportiva dell’atleta di livello, dell’amatore ma anche del sedentario che approccia per la prima volta al mondo dello sport.

Allora, avete intenzione di intraprendere questo mestiere di primo piano nel mondo dello sport?
Se siete agli inizi iscrivetevi al nostro corso certificato in partenza il 5 aprile e entrate in contatto con questo affascinante mondo.
Per chi ha già svolto e superato il primo modulo, ricordatevi che il 2° Livello, che vi permetterà di lavorare come massaggiatori sportivi su tutto il territorio nazionale, si svolgerà questo fine settimana nelle città di Firenze e Roma.


Articolo a cura del Dott. Domenico Nese
Docente di Massaggio Sportivo