I cookie sono piccoli file memorizzati nel tuo browser. Sono utilizzati per scopi tecnici, funzionali e di analisi. Continuando a navigare nel nostro sito web l’utente acconsente al loro impiego. È possibile modificare le impostazioni dei cookie del browser in qualsiasi momento.

Numero Verde Contattaci su WhatsApp
MSP Italia CONI ASI Ministero Dell'Interno EHFA Aces Europe Europe Active Ministero Del Lavoro e Delle Politiche Sociali Ministero Dell'Ambiente Protezione Civile

PROGRAMMARE PER I CROSS-SPORT

PROGRAMMARE PER I CROSS-SPORT

Nell’immaginario comune degli utenti che affollano i centri fitness è ormai radicata l’idea che allenarsi 2/3 volte a settimane sia il limite massimo oltre il quale, si potrebbe facilmente incorrere nel dramma dell’over-training , ottenendo come risultato la diminuzione di volumi, carichi, performance ecc.

E’ palese che quando invece si parla di atleti d’ elite si pensi a delle persone che si allenano non solo in multifrequenza ma con più sedute sparse all’interno delle 24 ore... Seguendo la logica precedente dunque le prestazioni di chi si allena così tanto non potrebbero assolutamente essere così elevate.

Una grande differenza che ovviamente va puntualizzata è che chi frequenta i grandi centri, molto spesso ha come obiettivo primario l’aspetto fisico, mentre quando si parla di cross-athletes ovviamente il fine è la performance; tale performance, specialmente se si parla di cross-sport necessita di una serie di skill spesso provenienti da domini contrastanti tra loro come possono essere l’endurance o il weightlifting.

Quindi come si possono imparare tutte le skill richieste? Quando lavorare per aumentare la forza e quando si fa endurance? come è possibile far progredire una performance, o più semplicemente lo stato di fitness generale che determina un elevatissimo stato di salute (tipica necessità di chi si allena per questi sport senza voler competere a livello agonistico) , allenandosi tutti i giorni o quasi, sollevando centinaia di volte, essendo veloci ma anche mobili e resistenti?

Alla base del metodo ovviamente c’è un accurata programmazione che ha come concetto base il non ragionare per distretti muscolari ma tenendo conto del funzionamento dei sistemi energetici, della suddivisione in base all’intensità di carico, e in base alle capacità dei settori corporei.

Tutto questo oltre ad avvenire sul lungo termine avviene anche all’interno di una stessa giornata, bisogna quindi saper bilanciare e dosare tutti gli stimoli in modo tale che non interferiscano tra loro ne in termini prestazionali, ne di adattamenti di tipo fisico .

Tenendo quindi conto di questi fattori un compromesso logico per garantire una naturale progressione della performance dell’ atleta sarebbe iniziare con lavori di tipo neurale di forza e potenza, a seguire lavori legati al sistema anaerobico lattacido di strenght endurance o power endurance di tipo sub massimale e ginnastica, per poi finire con lavori legati al sistema energetico aerobico.

Programmare ovviamente non necessita di una visione giornaliera, ogni programma porta l’atleta da una condizione prestazionale o di fitness generale , ad una migliore, e questo richiede che i ragionamenti di minima interferenza fatti in precedenza devono essere presi in considerazione su tempi più lunghi., quindi per esempio, un periodo dedicato in prevalenza al condizionamento metabolico, dovrà permettere all’atleta di mantenere o anche migliorare comunque i livelli di forza neurali, resistenza aerobica , e qualità delle skill richieste dallo sport specifico.

Nel corso di functional-crosstraining, si imparano infatti i concetti che stanno alla base della programmazione, di come bisogna ragionare in presenza di agonisti di sport ibridi o sport specifici con componenti ad alta intensità, delle 4 giornate di corso, 32 ore verranno spese per insegnare ai partecipanti metodi di progressioni e periodizzazioni adatte ad ogni utente.

Marco BerettaA cura di Dr. Marco Beretta
Visualizza tutti i suoi articoli
Scopri di più su: Corso Functional Trainer, Corso Functional Crosstrainer, Master Kettlebell, Master HIIT, Master FST