I cookie sono piccoli file memorizzati nel tuo browser. Sono utilizzati per scopi tecnici, funzionali e di analisi. Continuando a navigare nel nostro sito web l’utente acconsente al loro impiego. È possibile modificare le impostazioni dei cookie del browser in qualsiasi momento.

Numero Verde Contattaci su WhatsApp
MSP Italia CONI Ministero Dell'Interno EHFA Aces Europe Europe Active Ministero Del Lavoro e Delle Politiche Sociali Ministero Dell'Ambiente Protezione Civile

Invecchiamento, Osteoporosi e Allenamento

Invecchiamento, Osteoporosi e Allenamento

L'invecchiamento

Possiamo definire l’invecchiamento come il “Periodo della vita caratterizzato dal decadimento progressivo di tutte le funzioni organiche”. L’inizio dell’invecchiamento biologico nell'uomo coincide con la fine della fase dell’accrescimento. I processi funzionali relativi all'invecchiamento variano da individuo a individuo, anche se le alterazioni fondamentali sono simili. In particolare, il sistema muscolare può mantenere un soddisfacente stato di forma fino ai 40-50 anni, mentre gli apparati cardiocircolatorio e respiratorio iniziano il processo di invecchiamento più precocemente. Oltre alle progressive alterazioni a carico dei vari apparati e sistemi, l’invecchiamento è caratterizzato da un generale rallentamento delle funzioni biologiche e da una diminuzione della resistenza dell’organismo.

L’osteoporosi

Uno dei limiti con cui ci si deve misurare nel corso di un allenamento per la terza età è l’osteoporosi. Un inadeguata assunzione di calcio, o bassi livelli di ormone regolante il calcio fanno si che questo minerale venga mobilizzato dalle “riserve” (lo scheletro) presenti nell'organismo. Il perdurare di questo continuo “svuotamento” delle riserve di calcio può favorire a lungo andare la comparsa di due condizioni:

  • L’Osteoporosi (letteralmente osso poroso): la densità dell’osso è di un valore pari a più di 2,5 volte la deviazione standard al di sotto del valore medio riferito al sesso;
  • L’ Osteopenia: (dal greco “osteo” osso e “penia” deficit). L’Osteoporosi progredisce mano a mano che l’osso perde massa di calcio (sotto forma di fosfato tricalcico) e concentrazione di calcio.

L’attività fisica è da consigliare ai soggetti osteoporotici?

Assolutamente si! In quanto permette, attraverso l’azione dei muscoli, di sollecitare lo scheletro in compressione stimolando la genesi di nuovo tessuto osseo (osteogenesi).

Va bene qualunque tipo di attività fisica?

No, è da preferire un allenamento ad alta intensità caratterizzato da sollecitazioni brevi e intense intervallate da piccole pause (es. allenamento con sovraccarichi) e attività sportive in cui vi è una notevole sollecitazione scheletrico-muscolare (salto con la corda, corsa, etc.) necessaria alla stimolazione della genesi di nuovo tessuto osseo.

È da evitare o quanto meno limitare un tipo di allenamento di resistenza (lunghe camminate, lunghe pedalate ecc.).

Esempio di allenamento per una persona anziana sedentaria osteoporotica:

Riscaldamento
EsercizioDurata
Tapis roulant10’
Esercizi
EsercizioSeriePesoRipetizioniRecupero
Crunch3-121’
Iperestensioni da supina3-121’
Distensioni bacchetta metallica sopra la testa32kg121’
Slanci frontali in piedi31kg per gamba121’
Slanci posteriori in piedi31kg per gamba121’
Slanci laterali in piedi31kg per gamba121’
Compressione palla interno coscia in piedi3-121’
Defaticamento
EsercizioDurata
Tapis roulant10’

Giuseppe CrisafulliA cura di Dr. Giuseppe Crisafulli
Visualizza tutti i suoi articoli