I cookie sono piccoli file memorizzati nel tuo browser. Sono utilizzati per scopi tecnici, funzionali e di analisi. Continuando a navigare nel nostro sito web l’utente acconsente al loro impiego. È possibile modificare le impostazioni dei cookie del browser in qualsiasi momento.

Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
Numero Verde Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
ASI Ministero Dell'Interno FormaC Ministero Della Regione Europe Active Europe Active Europe Active Yoga Alliance Ministero Del Lavoro e Delle Politiche Sociali Fondo sociale europeo Accredia Ministero Dell'Ambiente Protezione Civile FIN FISDIR FIT MSP CSI CSEN FitnessWork Performance Training Opes MIUR Europeo

"Pasto libero" nella dieta: sì o no?

"Pasto libero" nella dieta: sì o no?

Il pasto libero, definito anche "cheat meal" o “sgarro” è presente in moltissime diete dimagranti. Molte sono le domande che girono intorno a questo argomento: Cos’è? Come farlo? É utile? Riattiva il metabolismo?In questo articolo andiamo a contestualizzare ogni singola domanda.

Che cos’è un chet meal o chet day?

Si tratta o di un pasto libero (cheat meal) o perfino di un giorno libero (chet day), in cui si può mangiare qualcosa didiverso rispetto allo standard settimanale, molte volte consiste in un pasto che non ha nessuna regola sia nella sceltadegli alimenti sia nelle sue calorie. È insomma, un giorno in cui si ricarica sia moralmente che fisicamente.

Come affrontarlo?

In molti casi, secondo la mia esperienza, il cheat meal o il cheat day se non fatto con parsimonia può portare alfallimento di molte diete. Infatti, molti piani alimentari volti al dimagrimento falliscono proprio perché si è bravi a seguirlidal lunedì al venerdì, per poi nei fine settimana (giorni che coincidono con il pasto libero) andare a vanificare gli sforzifatti durante la settimana. Se si è in un regime ipocalorico con un deficit calorico di 2000 kcal dal lunedì al venerdì e poi ilsabato e la domenica si recuperano 1500 kcal, non ci troviamo più di fronte ad un regime ipocalorico, ma il pianoalimentare settimanale diventa normocalorico.Il pasto libero deve essere ben programmato in modo tale da non vanificare gli sforzi fatti durante la settimana, puòessere un pasto di aggregazione ad es. come una pizza, oppure un piatto che preveda quegli alimenti “proibiti” nellapropria dieta, ma tenendo sempre un occhio alle calorie ingerite in quel singolo o intero giorno.

Lo "sgarro" riattiva il metabolismo?

La risposte è NO. Questo perché non basta un singolo sgarro o un singolo giorno di iperalimentazione per ripristinarequegli ormoni (Leptina e Ormoni tiroidei) che subiscono un calo durante lunghi periodi di dieta ipocalorica ed è la causadel rallentamento del metabolismo. Ma per avere un ripristino ormonale occorrono circa 10-15 giorni di iperalimentazionee soprattutto di base glucidica.

É utile il pasto libero?

In conclusione, il pasto libero, se ben programmato, è utile più a livello psicologico, in quanto andiamo a spezzare lamonotonia della dieta. Tutto questo ci permette di seguire un piano alimentare orientato al dimagrimento per un periodomolto più lungo.L’ultimo appunto riguarda le oscillazione del peso corporeo dopo il pasto libero: il peso corporeo sarà più alto la mattinasuccessiva, questo dovuta alla ricarica di glicogeno muscolare o accumulo di acqua extracellulare (ritenzione idrica), ilquale peso ritornerà di nuovo alla normalità nel giro di pochi giorni (non conviene mai pesarsi il giorno dopo aversgarrato).

A cura del Dr. Sossio Perrotta

Visualizza tutti i suoi articoli

Scopri di più sui Corsi Nutrizione nello Sport