I cookie sono piccoli file memorizzati nel tuo browser. Sono utilizzati per scopi tecnici, funzionali e di analisi. Continuando a navigare nel nostro sito web l’utente acconsente al loro impiego. È possibile modificare le impostazioni dei cookie del browser in qualsiasi momento.

Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
Numero Verde Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
ASI Ministero Dell'Interno EHFA Europe Active Europe Active Europe Active Yoga Alliance Ministero Del Lavoro e Delle Politiche Sociali Ministero Dell'Ambiente Protezione Civile FIN MSP Aces Europe FitnessWork

L'elemento acqua, una strategia motoria per la disabilità

L'elemento acqua, una strategia motoria per la disabilità

L' acqua è da sempre per noi un elemento vitale, in questo articolo evidenzierò come, negli ultimi anni, l'acquaticità ha favorito il miglioramento su diversi aspetti nelle persone disabili e come sia riuscita a riconcigliare il termine "attività motoria" con "disabilità" abbattendo le barriere e gli ostacoli fisici e sociali della terra ferma.

L’attività natatoria svolge una funzione di “passaggio” tra la riabilitazione terapeutica in acqua e lo sport. Gli effetti benefici dell’acqua sono molteplici, osserviamo maggiore importanza nel galleggiamento, che riduce la forza di gravità escludendo problemi di carico, favorendo così il rilassamento totale o segmentario; ad una determinata T° (30-32°C) l' acqua riduce il dolore e facilita il detensionamento muscolare; a livello articolare favorisce una maggiore ampiezza di movimenti e a livello cognitivo incita positivamente al superamento delle proprie disabilità valorizzando così le potenzialità della persona, nonchè la conoscenza, l' esplorazione e la consapevolezza di se stessi in movimento.


Obiettivi

Attività allenante in acqua , rivolta sia ai “normodotati” che ai “disabili” ha come obiettivo specifico:

1) Efficienza del miocardio

2) Vascolarizzazione coronaria collaterale

3) Distribuzione del sangue alla periferia corporea e del ritorno di esso al cuore

4) Diminuzione della massa grassa

5) Aumento del tono muscolare

6) Miglioramento della postura e riduzione della gravità sull’apparato scheletrico

7) Riduzione degli infortuni


Il nuoto e le attività motorie acquatiche sono le discipline sportive che meglio si prestano alla fase successiva della terapia. L' istruttore, attraverso il nuoto, utilizza una strategia didattica per mantenere o migliorare la condizione psico-fisica, per personalizzare un’attività in relazione alle funzioni motorie residue, per permettere l’evolversi in attività sportiva di tipo agonistico quando possibile e quando vi è motivazione.

L’ attività natatoria nel disabile favorisce la Destrezza, la Resistenza, l' Orientamento, l' Equilibrio, la Coordinazione spazio-temporale, la Concentrazione, il Gioco, l' Emozione, l' Integrazione sociale.

Nelle disabilità congenite si incontrano persone con un vissuto psicologico lineare, con maggiore facilità nell’affrontare gli ostacoli poiché noti sin dalla nascita, a differenza delle persone con disabilità acquisita, quali potrebbero presentare maggiore difficoltà nell’affrontare gli ostacoli conseguenti al trauma subito, a scopo di riadattarsi al nuovo stile di vita il più autonomamente possibile.


Principi della “Metodologia Didattica”:

1) Gradualità 2) Consequenzialità 3) Consolidamento

L’esplorazione guidata rientra tra le «Strategie cognitive di problem solving»: libera esplorazione, scoperta guidata, apprendimento divergente. Esse sono un insieme di strategie che hanno in comune la caratteristica di sollecitare nell'allievo l'elaborazione autonoma di risposte di fronte ad un compito-problema (problem solving), piuttosto che la ripetizione di quanto viene proposto dall'insegnante. Con la libera esplorazione e con l' esplorazione guidata gli allievi vengono incoraggiati a scoprire in maniera autonoma le strategie che conducono alla risoluzione del problema. Quando il problema è aperto e non vi è un' unica risposta possibile si parla di apprendimento divergente. L'allievo è dunque invitato a sperimentare più risposte e a ricercare soluzioni nuove e innovative. I Vantaggi sono lo sviluppo dell'autonomia e l' elevato coinvolgimento cognitivo e motivazionale dell'allievo ed un migliore apprendimento delle strategie che facilitano il transfer a compiti simili. Svantaggiosi saranno i tempi lunghi per l' impresa decisionale e per lo svolgimento. Gli alunni ricercano esperienze motorie in relazione agli attrezzi, ai contenuti e ai mezzi a disposizione. È l’alunno il grande protagonista di questo metodo.


Boca FrancescaA cura del Dr.ssa Boca Francesca
Visualizza tutti i suoi articoli
Scopri di più sui Corsi di Acqua Fitness, Corso Istruttore Musicale (Total Body Step Pump Gag) e Corso Massaggio Sportivo