I cookie sono piccoli file memorizzati nel tuo browser. Sono utilizzati per scopi tecnici, funzionali e di analisi. Continuando a navigare nel nostro sito web l’utente acconsente al loro impiego. È possibile modificare le impostazioni dei cookie del browser in qualsiasi momento.

Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
Numero Verde Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
ASI Ministero Dell'Interno FormaC Ministero Della Regione EHFA Europe Active Europe Active Europe Active Yoga Alliance Ministero Del Lavoro e Delle Politiche Sociali Fondo sociale europeo Accredia Ministero Dell'Ambiente Protezione Civile FIN MSP Aces Europe FitnessWork Europeo

Sclerosi multipla e movimento in acqua

Sclerosi multipla e movimento in acqua

Che cos’è la sclerosi multipla? 

La sclerosi multipla (SM) è una malattia cronica progressiva che colpisce il sistema nervoso centrale (cervello, nervi ottici e midollo spinale), caratterizzata dalla distruzione della guaina mielinica che isola le fibre nervose all’interno del sistema nervoso centrale. Questo sistema distruttivo è denominato demielinizzazione.

La mielina è una sostanza composta da acidi grassi che riveste i nervi, similarmente a quanto avviene nel rivestimento dei fili elettrici, questa sostanza consente la trasmissione rapida e coordinata degli impulsi dal cervello ad altre parti del corpo (e viceversa). Sono la velocità e l’efficienza con le quali questi impulsi nervosi sono condotti che consentono l’esecuzione di movimenti armonici,rapidi e coordinati con poco sforzo. Quando le fibre nervose perdono parte della mielina che le riveste, gli impulsi inviati non vengono più trasmessi correttamente. Le aree in cui la mielina è stata danneggiata o distrutta vengono definite “placche” o “lesioni”, che appaiono come aree indurite ( cicatrici).

Essendo una malattia cronica al momento non esiste una cura definitiva, ma sono disponibili numerose terapie che modificano il suo andamento rallentandolo.

Alcuni dati:

  • La sclerosi multipla può esordire ad ogni età della vita, ma comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni.
  • Ci sono circa 2,5-3 milioni di persone con SM, di cui 600.000 in Europa e circa 122.000 in Italia.

Il numero di donne con SM è quasi il triplo rispetto agli uomini.

Le persone con Sclerosi multipla possono praticare sport?

Praticare un attiva sportiva è di fondamentale importanza per tutti anche per persone affette da sclerosi multipla. Lo sport infatti non solo è in grado di prevenire diverse patologie metaboliche e di altra natura, ma preserva ed irrobustisce le strutture muscolo-scheletriche oltre ad avere un impatto positivo sull’umore ( nella maggior parte delle persone affette da questa malattia , possiamo notare infatti periodi di relativo benessere , alternati a periodi di peggioramento dei sintomi).

Accanto al percorso farmacologico riabilitativo quindi, è importante che il paziente dedichi del tempo alla pratica sportiva. Mentre in passato era sconsigliata  perché si riteneva comportasse uno sforzo fisico eccessivo per chi nel quotidiano doveva già lottare contro la malattia, oggi una pratica sportiva regolare ( seppur non agonistica) alla luce di quanto emerso negli studi recenti è consigliata dai medici ai soggetti con SM.

Quali sport scegliere?

Per sentirsi meglio e migliorare l’umore sono stati individuati una serie di sport, corsi di ginnastica e attività motorie in generale , uno tra questi  l’Acquagym .

L’Acquagym consiste in una ginnastica praticata in acqua a ritmo di musica e prevede sia esercizi a corpo libero sia da svolgere con l’ausilio di vari attrezzi. Questa attività mira a favorire lo sviluppo della muscolatura e l’elasticità delle articolazioni oltre che a raggiungere un maggior benessere psichico. Si tratta di una disciplina che negli ultimi anni sta riscuotendo maggior successo perché al di la della facilità di esecuzione , comporta molteplici  vantaggi:

  • Diminuzione della gravità che permette di svolgere esercizi evitando di sforzare eccessivamente le articolazioni.
  • Potenzia e tonifica l’apparato muscolare.
  • Stimola il sistema cardio-respiratorio.
  • Svolge un azione di rilassamento e scaricamento della tensione.

Acquagym e Sclerosi multipla

Sebbene L’acquagym , come ogni altro sport, non può fermare l’avanzata della SM , praticarlo con regolarità può agire positivamente sulle limitazioni fisiche legate a questa malattia. L’acqua infatti elimina il problema legato al peso corporeo che arriva a ridursi del 90% quando si è immersi fino alle spalle. I movimenti risultano così meno faticosi e si evitano impatti violenti sulle articolazioni e sull’apparato scheletrico. Inoltre la temperatura dell’acqua, che solitamente si aggira sui 26°-27°, garantisce un refrigerio costante che evita l’eccessivo accaloramento che  porta ad un peggioramento dei sintomi. Infine, la maggior densità dell’acqua rispetto all’aria crea resistenza ai movimenti, rafforza i muscoli e aiuta a mantenere una posizione eretta senza troppa fatica, migliorando così equilibrio e capacità di controllo del proprio corpo.  Lezioni di acquagym praticate assiduamente, combattono affaticamento, depressione e disturbi alla braccia e gambe. Secondo uno studio dell’Università di Basilea, apparso sulle pagine della rivista scientifica Medicine & Science in sport % exercise, la ginnastica in acqua è un valido aiuto per combattere i sintomi della malattia. Dalle analisi di questo studio è emerso che l’acquagym è efficace contro intorpidimento, bruciore parestesie, formicolio, che alterano la sensibilità degli arti. Inoltre è apparsa più bassa di ben 35 volte la probabilità di sviluppare depressione.

Come tutte le attività sportive, anche l’Acquagym segue tecniche specifiche,quindi non può essere  improvvisata, bensì praticata seguendo corsi e lezioni tenuti da figure professionali.  Ad oggi ci sono molti centri italiani con corsi di Acquagym pensati appositamente per persone affette da sclerosi multipla.


A cura della Dott.ssa Giorgia Staffolani

Scopri di più sul Corso da Isruttore di Acquafitness