I cookie sono piccoli file memorizzati nel tuo browser. Sono utilizzati per scopi tecnici, funzionali e di analisi. Continuando a navigare nel nostro sito web l’utente acconsente al loro impiego. È possibile modificare le impostazioni dei cookie del browser in qualsiasi momento.

Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
Numero Verde Contattaci su Telegram Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp
ASI Ministero Dell'Interno FormaC Ministero Della Regione Eso Eso Eso Europe Active Europe Active Europe Active Yoga Alliance Ministero Del Lavoro e Delle Politiche Sociali Fondo sociale europeo Accredia Ministero Dell'Ambiente Protezione Civile FIN FISDIR FIT MSP CSI CSEN FitnessWork Performance Training Opes MIUR Europeo

PERCHE’ IL FUNCTIONAL TRAINING PUO’ ESSERE UTILE NEL BODYBUILDING?

PERCHE’ IL FUNCTIONAL TRAINING PUO’ ESSERE UTILE  NEL BODYBUILDING?

Negli ultimi anni l’allenamento con i pesi ha subito continue evoluzioni. Siamo passati dal Bodybuilding Old School al Wellness in generale, con lo scopo di migliorare la situazione di fitness in generale e non soltanto esasperando masse muscolari e ricercando ventri muscolari pieni e definiti.

30 anni fa circa il Bodybuilding era l’attivita’ che andava per la maggiore, con l’avvento del Functional Training negli ultimi anni la situazione è cambiata drasticamente. L’obiettivo principale dell’allenamento funzionale è quello di migliorare le qualita’ e le cosidette SKILLS del corpo umano quali: forza resistente, equilibrio e propriocezione, potenza, velocita’ ed atleticita’ in generale.

In che modo possono coesistere queste due discipline?

Se pensiamo al corpo umano come un sistema e non ad una divisione in compartimenti stagni, gia’ possiamo comprendere che lavorando sulle cosidette skills duramente, potremmo reclutare abbastanza fibre muscolari da innescare gli adattamenti che concorrono all’ipertrofia. Il muscolo si contrae, non conosce il manubrio, una macchina isotonica o il bilanciere; piu’ si contrae intensamente, piu’ riesce a reclutare fibre muscolari.

Il discorso diviene ancora piu’ complesso se non pensiamo soltano al lato ipertrofico ma quanto piu’ all’adattamento neurale che possano innescare determinati esercizi. Impararsi a muovere è un arte, impararsi a muovere correttamente sotto i carichi, con il proprio corpo diviene vera e propria magia.

Quando riusciamo perfettamente a comprendere come attivare, cosa attivare e quando farlo in un determinato esercizio, comprendiamo che dietro tutta la falsa informazione che gira intorno all’allenamento con i pesi, ci sono dei principi fondamentali da cui non si puo’ scappare e che il segreto per il fisico dei propri sogni gira intorno a tanta pratica e tanta voglia di imparare, anche da altre discipline.

Migliorare una prestazione (ovviamente con un piano alimentare consono all’obiettivo) porta inevitabilmente ad un adattamento fisico che ci porta all’obiettivo prefissato.

Basta guardare atleti nel Calisthenics abbastanza avanzati, hanno fisici decisamente superiori alla media. E se tu allenassi il dorso solo con le Trazioni alla sbarra e varianti partendo da 5 ripetizioni massimali ed arrivando nel tempo alle 20 ripetizioni.

Credi davvero che il tuo corpo capisca se sta sollevando un peso o se sta sollevando se stesso?
Credi che questo non inneschi un adattamento muscolare abbastanza potente da farti sembrare largo e grosso?

Un altro punto a favore puo’ essere quello di allenare capacita’ cardiovascolari in modo diverso, negli Stati Uniti si usa il termine CONDITIONING. Una serie di esercizi intervallati con lo scopo di migliorare capacita’ respiratorie, gestione del lattato e l’apprendimento di schemi motori diversi.

Il mio consiglio è di essere lungimiranti nel campo dell’allenamento con i pesi, di uscire dagli schemi e dai dogmi indottrinati dai “Guru” del passato ed iniziare ad avere una veduta piu’ ampia. Motivo per il quale, personalmente, mi alleno per migliorare una prestazione ed il miglioramento fisico quando si diventa veramente forti è assicurato